CD & DVD
Motezuma

Antonio Lucio Vivaldi 678 – 28 July 1741) Libretto: Girolamo Giusti Il Complesso Barocco Conductor: Alan Curtis Director: Stevano Vizioli

BIOGRAPHY Italian version

Vito Priante
Baritone

 

Vito lends his magnificent bass voice to the character of Leone, completing effectively (and luxuriously) the classic sextet of baroque opera” (Concertonet – Tamerlano, Liceu Barcelona)

 

The protagonist of Il Prigioniero was Vito Priante, who offered an intense and convincing performance” (Seen and Heard –  Il Prigioniero, Teatro Real Madrid)

 

In the plum part of the Prince’s valet, Dandini…Vito Priante was as foppishly hilarious as he was musically adept.  Articulating every phrase, singing with sprightly vigor, he embodied the swaggering Captain of Commedia dell’Arte fame crossed with the willfulness of a cagey Harlequin.” (International Review of Music –  La Cenerentola, LA Opera)

 

 

Baritone Vito Priante’s voice has been described as elegant and burnished, stylish and seductive, agile and lively.  A rising operatic star, he has performed across Europe in venerable theatres including La Scala in Milan, the State Operas in Vienna, Munich, Berlin, Teatro San Carlo in Naples, Opéra de Lyon, ROH Covent Garden, Barcelona, the Teatro dell’Opera di Roma, at the Salzburg and Edinburgh festivals, and with internationally renowned conductors Riccardo Muti, Daniel Barenboim, Ivor Bolton, and Daniel Harding among others. 

 

PERFORMANCES

The 2016-2017 season sees Vito returns to London’s Royal Opera House Covent Garden in one of his most acclaimed roles, Figaro in a revival of the ROH production of Rossini’s Il barbiere di Siviglia directed by Moshe Leiser & Patrice Caurier. He also appears as Guglielmo in a new production of Mozart’s Cosi fan tutte at the Teatro dell’Opera di Roma and as Silvio in the Opera National du Rhin’s production of Leoncavallo’s Pagliacci.

 

Last season Vito made a highly successful debut with the Lyric Opera of Chicago as Dandini in La Cenerentola, a role he reprised at the Teatro dell’Opera di Roma. He also appeared as Alphonse XI in Donizetti’s La Favorite at La Fenice in Venice, in a concert performance in the title role of Le Nozze di Figaro at the Konzerthaus in Dortmund, and in Rome singing Fauré’s Requiem with the Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, conducted by Antonio Pappano. 

 

RECENT HIGHLIGHTS

Recent performances include performances as Figaro at the Glyndebourne Festival’s and in Venice, the title role in Dallapiccola’s Il Prigioniero at Madrid’s Teatro Real, Dandini in La Cenerentola in both Vienna and Los Angeles. In the last few seasons he also debuted at the Maggio Musicale in Florence as Figaro in Il Barbiere di Siviglia, at Berlin’s Staatsoper im Schiller in Le Nozze di Figaro conducted by Daniel Barenboim and as the poet Prosdocimo in Rossini’s Il Turco in Italia at the Nederlandse Opera. Vito has appeared as Il Dissoluto in Corghi’s Il Dissoluto assolto at Teatro alla Scala, Leone in Handel’s Tamerlano at the Liceu in Barcelona, Figaro in Mozart’s Le Nozze di Figaro  at the Théätre des Champs Elysées in Paris led by Marc Minkowsky, at the Salzburg Festival, and La Fenice in Venice where he also performed Leporello in Mozart’s Don Giovanni.Silvio in I Pagliacci and Publio in Mozart’s La Clemenza di Tito have taken him to Salerno and Lyon, respectively.

 

In demand as a concert artist, he has performed with Riccardo Muti in Jommelli’s oratorio Betulia Liberata, Handel’s Messiah and in Mozart’s Requiem at the Accademia Nazionale di Santa Cecilia, in Haydn’s Stabat Mater conducted by Ivor Bolton at the Salzburg Festival and in Armida with Amsterdam’s Concertgebouw.

 

DISCOGRAPHY

Vito’s discography includes Handel’s Rodelinda & Floridante (DGG), Donizetti’s Pietro il Grande (Dynamic), Cherubini’s Lo sposo di tre e marito di nessuna  (Dynamic), Vivaldi’s Motezuma (DGG).  He is also featured on the 2012 Glyndbourne Festival’s highly successful production of Le Nozze di Figaro.

 

BACKGROUND

Born in Naples, Vito Priante graduated in 2003 from the Oriental Institute at Naples University with a Major in French and German Literature. In 2002 he made his professional debut in Pergolesi’s La Serva Padrona, under the musical direction of Arnold Bosman at  Florence’s Teatro Goldoni, presented by the Maggio Musicale Fiorentino and has since gone on to sing on major international stages.  Having been highly acclaimed for his performances in the Baroque and Classical repertoire, he is now moving into Belcanto roles.  In 2008 he was awarded the XXVIII Franco Abbiati Prize for his interpretation of the title role in Dallapiccola’s Il Prigioniero at Milan’s Teatro alla Scala conducted by Daniel Harding and  directed by Peter Stein.

Vito currently lives in Paris. 

Vito Priante
Baritono

 

 « E veniamo al cast vocale, cominciando dal soprendente debutto di Vito Priante nei panni di Alidoro. Questo giovane basso-baritono, dopo tante felici affermazioni nel barocco e Mozart si sta avvicinando a Rossini. Il suo unico momento solistico, certo fra i più difficili dell'intero repertorio del pesarese per voce di basso, viene risolto al meglio. Si ammira subito nelle riuscita messa di voce che apre "là del ciel nell'arcano profondo", aria in cui la dimensione affettuosa e protettiva del Nume che si appresta a cambiar la sorte futura di Cenerentola si traduce in un cantabile intonato con un legato da manuale, dove il fiato galleggia sul fiato con eleganza e signorilità. Ma stupisce anche nelle variazioni dal da capo della cabaletta risolte con fluidità e senso della misura. » (Alessandro Mormile, l'Opéra - Febbraio 2011 e Il Corriere dell'Arte Gennaio 2011)

“Vito Priante è giovane e affronta il ruolo del titolo con intelligenza e misura adattandolo a sé e al suo fisico asciutto alla perfezione: la voce è proprio bella, il timbro seducente tanto è vellutato e dorato;” (Francesco Rapaccioni, teatro.org, dicembre 2011)

 

La voce del baritono Vito Priante è stata definita comesplendida ed elegante, affascinante e seducente, agile e vivace. Stella nascente nel panorama operistico, si è esibito in tutta Europa in importanti teatri tra cui il Teatro alla Scala di Milano, la Staatsoper di Vienna, Monaco di Baviera, Berlino, il Teatro San Carlo di Napoli, l’ Opéra de Lyon, la ROH Covent Garden, il Liceu di Barcellona, il Teatro dell'Opera di Roma, al Festival di Salisburgo ed Edimburgo, econ direttori d'orchestra di fama internazionale, tra i quali Riccardo Muti, Daniel Barenboim, Ivor Bolton, DanielHarding, ed altri.

 

Nel giugno 2013, Vito ha ripreso il ruolo di Dandini/Cenerentola alla Wiener Staatsoper, ha debuttato il ruolo di Belcore nell’Elisir d’amore a Torino, oltre a Lescaut della Manon in forma di concerto con l’Orchestre Philharmonique du Luxembourg. Durante la stagione 2013/2014 debutterà il ruolo di Escamillo/Carmen alla ROH Covent Garden. Sarà Figaro nelle Nozze mozartiane ed il Poeta Prosdocimo nel Turco in Italia di Rossini alla Munich Staatsoper. Successivamente debutterà i ruoli di Lindorf/Coppelius/Dr.Miracle/Dapertutto nell’opera di Offenbach Les Contes d’Hoffmann, al Teatro Real di Madrid.

 Tra i suoi impegni futuri si segnalano inoltre il suo ritorno a Madrid, Londra e Barcellona ed il suo debutto alla Lyric Opera di Chicago.

 Tra gli ultimi impegni si ricordano il suo Figaro al Festival di Glyndebourne ed a Venezia, il ruolo protagonista ne Il Prigioniero di Dallapiccola al Teatro Real di Madrid, Dandini/Cenerentola a Vienna ed a Los Angeles. Nelle ultime stagioni segnaliamo il debutto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino come Figaro ne Il Barbiere di Siviglia e nelle Nozze di Figaro alla Staatsoper Im Schiller Theater di Berlino, con la direzione di Daniel Barenboim e come il Poeta Prosdocimo ne Il Turco in Italia di Rossini, alla Nederlandse Opera.

 Discografia:

 La discografia di Vito include Rodelinda & Floridante di Handel (DGG), Pietro il Grande di Donizetti (Dynamic), Lo sposo di tre e marito di nessuna di Cherubini (Dynamic), Montezuma di Vivaldi (DGG)

Ricordiamo inoltre il grande successo della produzione Le Nozze di Figaro al Festival di Glyndbourne 2012, di cui recentemente è stato prodotto un DVD

 Background:

Nato a Napoli nel 1979, Vito Priante si laurea all’Istituto Orientale dell’Università di Napoli in Lingua e Letteratura francese e tedesca nel 2003 .
Debutta nella Serva padrona di Pergolesi sotto la direzione di A. Bosman al Teatro Goldoni di Firenze, nella stagione lirica 2002/2003 del Maggio Musicale Fiorentino. Da allora è ospite di prestigiosi Festival e Teatri italiani ed internazionali.

Dopo tante felici affermazioni nel repertorio barocco e classico, ha iniziato il suo cammino verso il repertorio belcantistico

Nel 2008 ha vinto il prestigioso Premio Abbiati  per la sua partecipazione alla produzione de Il Prigioniero di Dallapiccola, sotto la direzione di D. Harding e la regia di P. Stein.

 

Vito vive attualmente a Parigi.